Contratto metalmeccanici, la UilM avvia le assemblee per il referendum dei lavoratori

Dopo l’intesa sul contratto nazionale dei metalmeccanici Fim-Cisl e Uilm lanciano la campagna di assemblee in vista del referendum rivolto agli iscritti l’esito verrà comunicato il 25 gennaio. Oggi a Lanciano nella sala congressi dell’Hotel Anxanum di Lanciano, si è tenuto l’attivo regionale del sindacato, con la partecipazione del segretario nazionale, Giovanni Contento, del coordinatore regionale, Michele Lombardo e del segretario provinciale Chieti, Nicola Manzi. E’ stato proprio quest’ultimo ad illustrare all’assemblea le principali novità contenute nel contratto nazionale di categoria siglato il 5 dicembre scorso dalla Uilm e dalla Fim Cisl.

“In un momento di grandi difficoltà come questo che stiamo vivendo, il rinnovo del contratto rappresenta rappresenta l’unico vero antidoto per combattere la crisi. E’ determinante per il futuro dei lavoratori e delle aziende – ha dichiarato Manzi. 

Nelle fabbriche i lavoratori saranno chiamati a esprimere il loro parere, ma il clima è alquanto pesante. In pochi nascondono la tensione che si vive dopo il ‘no’ della Fiom, ma la Uilm vuole allontanarla basandosi essenzialmente sui contenuti del contratto e sul voto. Tra l’altro, per informare i suoi iscritti sul nuovo accordo, lascerà aperte le camere del lavoro. 

“Guardi, la Fiom deve smetterla di fare il critico d’arte e mi limito solo a questa osservazione – dice Giovanni Contento -. La realtà è che non si può fare azione sindacale ricorrendo solo alle vie legali. Questo contratto ridà fiducia ai lavoratori, alle aziende, rimette in rotta queste ultime per tornare ad essere competitive sui mercati. Creerà le condizioni per restituire più potere d’acquisto ai lavoratori stessi a tutto vantaggio della nostra economia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *