Tangenti negli appalti pubblici a Montesilvano: condannato a 5 anni l’ex sindaco Cantagallo

L’ex sindaco di Montesilvano, Enzo Cantagallo, è stato condannato oggi dal Tribunale di Pescara a cinque anni di reclusione. Cantagallo, era imputato nel processo “Ciclone” su presunte tangenti negli appalti pubblici al Comune di Montesilvano. La vicenda che nel 2006 portò all’arresto dell’ex primo cittadino, assessori e dirigenti comunali e imprenditori, conta in totale 39 imputati (32 persone e sette società). Il pm Gennaro Varone aveva chiesto sei anni di reclusione. Secondo l’accusa a Montesilvano era stato innescato un meccanismo per l’elusione del contributo dei costi di costruzione. Per quanto riguarda gli appalti dei lavori pubblici, invece, la Procura ritiene ha venissero assegnati direttamente alle imprese dietro pagamento di somme di denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *