Trovano petardo e lo fanno esplodere: tre bambini feriti a Pescara

Maledetti botti. L’incivile abitudine di salutare l’arrivo del nuovo anno con petardi, raudi e mortaretti a distanza di tre giorni dall’arrivo del 2013 provoca ancora danni. La lista dei feriti, che nella notte tra il 31 dicembre e il 1° gennaio ha fatto registrare feriti in Abruzzo, questo pomeriggio si è allungata ulteriormente con tre bambini, di cui due fratelli. I tre, che si trovavano nella zona di via Prati, a Pescara, hanno trovato in strada un petardo e l’hanno acceso. Nell’esplosione due di loro sono rimasti feriti e soccorsi da personale del 118, sono stati ricoverati nel reparto di Chirurgia pediatrica dell’ospedale, un terzo è stato dimesso. Le prognosi sono di 20, 15 e 7 giorni. Hanno riportato ferite e abrasioni, anche alle gambe, probabilmente perché erano in ginocchio. Uno di loro ha anche problemi all’udito. 

Nell’ultimo giorno dell’anno in Abruzzo si erano avuti tre feriti nel chietino, tra cui un bambino, un altro minorenne in provincia de L’Aquila, e una donna di Elice.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *