Eroina nascosta nelle scarpe: operaio arrestato a Vasto

Undici grammi di eroina sono stati sequestrati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto, nel corso di un posto di controllo alla circolazione stradale. In manette, con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti è finito un operaio di 34 anni: l’uomo nascondeva lo stupefacente, suddiviso in dosi, all’interno delle proprie scarpe.

Gli uomini dell’Arma erano fermi nel centro abitato di Vasto quando hanno intimato l’alt ad una Fiat Bravo che sopraggiungeva. All’interno dell’auto vi erano due persone, una delle quali era il 34enne. Malgrado si trattasse di un normale controllo alla circolazione stradale ed il proprietario dell’auto avesse i documenti in regola, l’operaio, passeggero, è apparso da subito molto nervoso a tal punto da insospettire gli uomini dell’Arma. L’uomo infatti nascondeva undici grammi di eroina suddivisa in dosi all’interno delle proprie scarpe che i militari hanno poi recuperato nel corso di una perquisizione personale. Arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 34enne è stato associato alla locale casa circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

Un pregiudicato di 25 anni è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri di Lanciano con l’accusa di ricettazione. Gli uomini dell’Arma, ieri pomeriggio, hanno fermato il giovane nei pressi di un esercizio commerciale specializzato nell’acquisto di preziosi usati, trovandolo in possesso di alcuni monili in oro del valore di circa 1500 euro. Alla richiesta dei militari di spiegazioni circa la provenienza di quei preziosi, il pregiudicato non ha saputo fornire indicazioni credibili. I monili, verosimilmente di provenienza furtiva, sono quindi stati posti sotto sequestro e verranno affidati all’ufficio corpi di reato del Tribunale di Lanciano. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei militari per stabilire se la merce sequestrata è verosimilmente il ricavato di furti in abitazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *