La Regione dichiara lo stato di emergenza idrica nel vastese

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici, Angelo Di Paolo, ha dichiarato lo stato di emergenza nel comprensorio dell’Ato chietino, a causa del perdurare dei disagi per la carenza idrico-potabile. La Regione autorizza per tre mesi l’Ente d’ambito chietino alla captazione di acqua nella misura massima di 200 l/s dal fiume Trigno, nel comune di San Giovanni Lipioni attraverso le opere di presa e condotta del Consorzio di bonifica sud di Vasto, da avviare al trattamento ai fini del consumo umano presso l’impianto Coasiv di San Salvo. La richiesta era stata avanzata alla Regione dall’Ente d’Ambito Chietino, su segnalazione delle criticità del gestore del servizio idrico integrato SASI SpA, a causa dell’impossibilità di prelevare acqua dal fiume Trigno in corrispondenza della traversa di Pietrafracida nel comune di Lentella ed aveva evidenziato l’esigenza di integrare le portate d’acqua nel comprensorio a causa del perdurare della grave carenza idrica. 

Giorni fa anche il WWF aveva lanciato l’allarme sulla situazione in quel territorio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *