Furti in abitazione nel teramano, i carabinieri individuano due donne finite ai domiciliari

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Teramo diretti dal Ten. Pietro Fiano e coordinati dal Magg. Americo Di Pirro, hanno tratto in arresto questo pomeriggio due donne (G.D. 36enne e S.M.F. 27enne, entrambe di Alba Adriatica) resesi responsabili di cinque furti in abitazione in Teramo, Bellante e Montorio al Vomano nei mesi di agosto, settembre ed ottobre dello scorso anno, in esecuzione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Teramo,  dr. Giovanni De Rensis, 

L’accurata attività investigativa svolta, abilmente coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica, dr. Stefano Giovagnoni, permetteva di raccogliere consistenti elementi probatori a carico delle indagate tali da consentire al G.I.P. di emettere nei confronti delle stesse, due ordinanze di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni poiché ritenute responsabili di essersi introdotte all’interno delle abitazioni di cinque persone anziane con l’escamotage di presentarsi come incaricate del comune o addette alla raccolta differenziata per poi approfittare delle condizioni di inferiorità e di minor difesa e vigilanza delle vittime per sottrar loro monili in oro e denaro contante.

Le indagini espletate dal N.O.R. di Teramo sono la prosecuzione dell’attività investigativa svolta nel mese di novembre dello scorso anno allorquando le donne oggi tratte in arresto, furono arrestate insieme ad una terza complice perché resesi responsabili di altri quattro furti in abitazione perpetrati con il medesimo modus operandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *