Quattro immobili confiscati a famiglia Rom dovranno essere sgombrati

I provvedimenti sono assolutamente innovativi nel  territorio pescarese e si inseriscono nell’ambito di operazioni congiunte tra le forze di polizia Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri finalizzate all’aggressione dei patrimoni accumulati illecitamente da parte di componenti di famiglie di etnia rom stanziate in Pescara e provincia, tradizionalmente dedite alla commissione di reati di varia natura (truffe, furti, estorsioni, usura, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti), che pur avendo accumulato ingenti patrimoni immobiliari nel corso degli anni, sono rimasti completamente sconosciuti al fisco. Nei giorni scorsi, personale della Questura, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara e della Compagnia Carabinieri di Montesilvano ha dato esecuzione a decreti  di sgombero  emessi dall’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei beni. Si tratta di 4 immobili,  due a Montesilvano e due a Pescara, già appartenenti a tre famiglie Rom, del valore di circa 3 milioni di Euro, che furono sottoposti a sequestro con l’operazione “Leggenda Metropolitana del 16 ottobre 2007. L’iter si è concluso dopo che tali provvedimenti sono stati confermati in Corte di Appello ed in Corte di Cassazione.

Entro 60 giorni, quindi, gli appartamenti dovranno esser lasciati liberi e se ciò non avverrà si procederà, con l’immediata esecuzione forzata per il rilascio dei beni, con l’assistenza della forza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *