Vanno in auto in caserma per firmare e poi rapinano supermercato: arrestati dai carabinieri di Montesilvano

A poche ore del terzo colpo nel giro di un mese messo a segno al supermercato Todis di via Verrotti,a Montesilvano (bottino 300 euro) i carabinieri di Montesilvano sono riusciti a risalire e ai due rapinatori entrati ieri sera, alle 18, nel grande magazzino. In manette sono finiti Umberto Loffredo, 31 anni, nato a Napoli, e Luca Sanna, 38 anni, nato a Roma, entrambi residenti a Montesilvano. 

E’ stato possibile risalire a loro in quanto i due, poco prima della rapina, sono andati alla caserma dei carabinieri per l’obbligo di firma. In particolare ai militari non è sfuggito l’abbigliamento dei due, lo stesso, stando alle segnalazioni, indossato dai rapinatori. Grazie poi alle telecamere della caserma i malviventi non solo sono stati identificati ma sono stati anche visti allontanarsi a bordo della stessa auto, una Fiat Punto di colore nero, utilizzata dai rapinatori. Intorno alle 20 Loffredo e Sanna sono stati rintracciati e arrestati nei pressi della loro abitazione in via Lago di Bomba. I due,che in quel momento erano all’interno di un bar, hanno anche cercato di fare resistenza minacciando e colpendo i carabinieri con calci e pugni. I due però sono stati bloccati e trasferiti al carcere San Donato di Pescara. 

Tre carabinieri e Umberto Loffredo hanno riportato lievi lesioni giudicate guaribili in cinque giorni. Sempre in via Lago di Bomba i carabinieri hanno trovato la Fiat Punto. Inoltre Luca Sanna è stato trovato in possesso di un grammo di cocaina. Gli arrestati sono accusati di rapina aggravata in concorso, violenza, minaccia, resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *