Commercio a Montesilvano tra crisi e criminalità: la Confesercenti chiede intervento del Prefetto

“Siamo costretti a chiedere di nuovo un intervento del Prefetto, a pochi giorni dalla nostra ultima richiesta, perché la percezione di sicurezza a Montesilvano sta diventando un problema di assoluta priorità”. Lo afferma Gianni Taucci, direttore provinciale di Confesercenti, che oggi ha preso carta e penna e scritto al prefetto di Pescara per chiedere la convocazione del comitato per l’ordine e la sicurezza incentrato su Montesilvano.

“E’ sotto gli occhi di tutti – spiega Taucci – che la situazione sta sfuggendo di mano. Le rapine si susseguono e manca qualunque percezione di miglioramento. Spiace prendere atto che evidentemente il forte investimento e le spese che mensilmente la comunità deve sostenere per la dotazione di pistole ai vigili urbani si stia rivelando evidentemente inutile. Al prefetto ed alle forze dell’ordine chiediamo una risposta fuori dall’ordinario, visibile, forte, perché Montesilvano non può trasformarsi in una grande periferia incontrollata. I commercianti non possono essere costretti a ricorrere alla polizia privata per difendere il proprio diritto al lavoro. Siamo certi che troveremo nel prefetto e nelle forze dell’ordine quelle risposte autorevoli e straordinarie che la situazione a Montesilvano ormai richiede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *