Operazione delle guardie ecologiche nel pescarese: scoperte discarica abusiva e rifiuti abbandonati. Nel teramano sopralluogo al Parco Fluviale del Vezzola

Le guardie ecologiche volontarie hanno eseguito una serie di controlli a Spoltore, Pianella e Cappelle sul Tavo lungo corsi d’acqua e laghetti prsenti in quei territori. Nel corso del’operazione sono stati  individuati depositi incontrollati di rifiuti e uno scarico che si presume abusivo. A tracciare il bilancio di queste operazioni sono la coordinatrice delle Guardie Ecologiche Volontarie, Liliana Febbo, e il comandante della Polizia provinciale, Giulio Honorati, che si sono occupati degli interventi sul territorio. 

Sul territorio di Pianella, al confine con Spoltore, le GEV hanno rilevato la presenza di un consistente deposito incontrollato di rifiuti non pericolosi, che è stato segnalato alla Polizia Provinciale. Subito dopo è stata l’unità operativa di polizia ambientale, nell’ambito della Polizia provinciale, ad individuare il responsabile di quel deposito, che è stato sanzionato. Si è anche provveduto alla rimozione del materiale e al ripristino ambientale del luogo, facendo eseguire al “colpevole” di quel deposito il corretto smaltimento dei rifiuti. Le Gev, inoltre, hanno segnalato alla Polizia provinciale uno scarico, presumibilmente abusivo, individuato lungo il fiume Tavo, nel comune di Cappelle, fornendo agli agenti del comandante Honorati tutte le indicazioni utili per procedere. Sempre a Cappelle sul Tavo sono stati contestati dai Volontari due verbali, uno da 600 euro e l’altro da 1.200 euro, a due trasgressori, privati cittadini, che si sono resi responsabili di abbandono di rifiuti non pericolosi e pericolosi. I cumuli sono già stati rimossi sotto il controllo delle GEV. A Spoltore, invece, sono stati rilevati diversi cumuli di rifiuti (plastiche, materiale ferroso, cartoni, vetroresina, ecc.) oltre ad un presunto scarico abusivo e sono pertanto in corso accertamenti mirati per effettuare ulteriori  eventuali contestazioni che, singolarmente, potranno raggiungere i 1.200 euro, in caso di rifiuti pericolosi. Se i responsabili risulteranno invece delle ditte seguirà la comunicazione di notizia di reato con le sanzioni penali dell’arresto da 3 mesi ad un anno o l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro per i rifiuti non pericolosi, e dell’arresto da 6 mesi a 2 anni e dell’ammenda da 2.600 a 26.000 euro per i rifiuti pericolosi. Il coordinatore delle GEV  chiede ai cittadini di continuare a collaborare segnalando illeciti in materia ambientale con una mail da inviare all’indirizzo gev.ambiente@provincia.pescara.it. Honorati ringrazia le Gev, la cui attività avviene a titolo di volontariato, e ricorda che sono guardie giurate, pubblici ufficiali e agenti di polizia amministrativa. Hanno già effettuato diversi servizi di controllo del territorio implementando i controlli già in essere per tutto ciò che riguarda, ad esempio,  abbandono di rifiuti (pericolosi e non), scarichi abusivi, Rae (Rifiuti elettrici ed elettronici pericolosi). La loro presenza sul territorio ha portato, in poco più di un mese, alla contestazione di sanzioni per un totale di 4.200 euro con la pulizia, da parte dei trasgressori, delle aree compromesse. 

Questa mattina, dopo una serie di incontri preparatori tra Comune, Guardia Forestale dello Stato e Teramo Ambiente, l’assessore All’Ambiente Rudy Di Stefano e personale degli altri enti citati, hanno effettuato un sopralluogo all’interno del Parco Fluviale del Vezzola. In particolare è stato verificato lo stato del laghetto, constatandone le condizioni davvero degradate a causa dell’abbandono, nelle sue prossimità e perfino al suo interno, di oggetti e rifiuti di diversa natura. La verifica ha consentito di determinare l’entità dell’intervento da condurre, che verrà attuato la prossima settimana. L’area sarà pertanto bonificata, con il taglio degli arbusti in eccesso e delle piante che stravolgono l’equilibrio biologico, la rimozione dei rifiuti depositati e l’accurata pulizia del laghetto. L’assessore di Stefano ricorda che l’area è particolarmente frequentata dai fruitori del Parco ed in particolare da bambini, per cui la bonifica è necessaria così come è necessario auspicare comportamenti corretti da parte di chi invece ritiene di poter utilizzare la zona per abbandonarvi rifiuti indiscriminatamente. L’assessore ringrazia anche la Guardia Forestale, la TeAm ed il vigile ecologico, che con solerzia svolge la propria attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *