Stop a ricerche ed estrazioni di petrolio sul territorio abruzzese, la Regione approva risoluzione

L’assemblea regionale ha votato e approvato oggi, all’unanimità una risoluzione – proposta dal Consigliere dei Verdi Walter Caporale, – in cui si impegna il Consiglio a emanare, nel più breve tempo possibile, una legge di moratoria che blocchi nuove ricerche ed estrazioni di petrolio sul territorio abruzzese, vincolando la Regione, nell’esercizio delle proprie competenze in materia di governo del territorio, a non rilasciare l’intesa prevista al conferimento di nuovi titoli minerari per la prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi. Nel documento si sottolinea la netta contrarietà agli impianti per l’estrazione di idrocarburi, evidenziata in più occasioni da movimenti spontanei di cittadini, dalle associazioni di categoria degli operatori economici e professionali, dal mondo della scuola e dell’università, dagli Enti locali e persino dai Vescovi. In rappresentanza della Giunta è intervenuto in aula l’Assessore Mauro Febbo che ha rimarcato “l’impegno suo e dell’intero esecutivo regionale, per attivare qualunque iniziativa utile a bloccare la proliferazione di questo tipo di impianti, pur nella consapevolezza che si tratta di una materia di esclusiva competenza statale, in cui le Regioni hanno un ruolo molto limitato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *