Giulianova, si lavora per istituire la Consulta Rom

L’impegno era stato assunto il 20 aprile scorso nel corso del simposio tenuto dai radicali al Kursaal. Ora il sindaco Francesco Mastromauro è passato ai fatti e ha avviato i primi contatti per l’istituzione della Consulta Rom, per favorire l’integrazione, valorizzando la storia, la tradizione e la cultura del popolo Romanì. 

“Almeno da quel che mi risulta, Giulianova sarebbe la prima città abruzzese, ed una delle poche in Italia, tra le quali Milano, dove è nata nel giugno 2011, ad avere una Consulta Rom. Con questo organismo – dice il sindaco – si cercherà di dare contenuti a reali politiche di convivenza in armonia con le direttive comunitarie coinvolgendo una pluralità di soggetti ed enti, tra i quali la Caritas diocesana con la quale l’Amministrazione comunale ha collaborato nel 2012, e ancora quest’anno, con il progetto “Gli uomini si liberano insieme”. 

Non vanno sottaciuti, però, come vi siano stati e continuino ad esserci problemi sotto il profilo dell’ordine pubblico che non da ora hanno generato un forte allarme sociale. “Ricordo in proposito – prosegue Mastromauro – che nel 1987 l’allora sindaco Franco Gerardini decise, insieme con la Giunta di formalizzare l’attività del Gruppo Operativo Territoriale sulla devianza, già operante dal gennaio 1986, con particolare attenzione ai Rom posto che, come si sottolineò nella delibera istitutiva, Giulianova, per caratteristiche intrinseche dovute alla plurigenerazionale presenza di gruppi nomadi, si caratterizza come comune in cui la tensione sociale relativa ai minori presenta elementi di preoccupazione”. 

Proprio per superare quella tensione sociale, ventisei anni fa, con grande lungimiranza, si decise di coinvolgere l’AIZO, l’Associazione Italiana Zingari Oggi, nonché Nazzareno Guarnieri, attuale presidente della Fondazione Romanì Italia. 

“Con la Consulta – conclude il primo cittadino – è nostri auspicio conseguire tre importanti obiettivi: integrazione mediante conoscenza e valorizzazione della cultura Romanì, dialogo e, quindi, superamento delle conflittualità nel segno del rispetto delle leggi. Che, ovviamente, devono valere per tutti”.  

Fin qui in primo cittadino, che indirettamente trova una sponda dai referenti abruzzesi della lista Amnistia Giustizia Libertà, Vincenzo di Nanna e Ariberto Grifoni, che lo invitano, con una lettera, proprio a proporre un’iniziativa volta a favorire una maggiore integrazione con la comunità rom del posto. Dunque la Consulta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *