Strangolata in casa dal figlio

Uccisa in casa, nella sua abitazione di vi Scanno a Chieti Scalo.  Arcangelina Silvestri, di 83 anni, è stata trovata morta dai vigili del fuoco entrati a casa, al terzo piano, dopo che la figlia della donna, allarmata dal fatto che la madre non rispondeva al telefono, li aveva avvertiti. L’anziana è stata strangolata. A quel punto è intervenuta la squadra mobile con il sostituto procuratore Marika Ponziani e il medico legale Cristian D’Ovidio. Prima ricognizione cadaverica e primi sospetti, ricaduti sul figlio della Silvestri, ex insegnante in pensione. Domiziano Di Domizio, 52 anni, che viveva insieme alla madre. L’uomo è stato sottoposto al termine del quale è stato trasferito nel carcere di Chieti. Secondo indiscrezioni, il Di Domizio avrebbe ammesso le sue responsabilità.  L’accusa per  lui è di omicidio volontario aggravato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *