Elezioni a Sulmona: anche Sottanelli (Scelta Civica) chiede rinvio elezioni

La richiesta avanzata da Marco Di Lello, presidente del gruppo parlamentare Psi, che con un’interrogazione urgente al ministro dell’Interno per la sospensione delle elezioni amministrative a Sulmona, non è stata l’unica. Ieri, infatti, oltre a quella dell’esponente sociali, il deputato abruzzese Giulio Sottanelli (Scelta Civica) ha avanzato analoga proposta, con una propria interrogazione urgente a risposta orale, al Ministero dell’Interno per chiedere il rinvio delle elezioni amministrative nella città ovidiana a causa del tragico decesso del candidato a sindaco per la coalizione “Sulmona Unita”, Fulvio Di Benedetto. Sottanelli lancia quindi un appello agli altri sei candidati sindaco in lizza per la poltrona di primo cittadino si Sulmona: “Ritirate le vostre candidature e fate così un gesto nobile e di rispetto verso le istituzioni e la volontà popolare per il bene di Sulmona in modo da azzerare la competizione elettorale e andare subito a nuove elezioni: io mi impegnerò a chiedere al Ministero un decreto che estenda anche per i Comuni sopra i 15mila abitanti la possibilità di rinvio delle elezioni a seguito del decesso di uno dei candidati, possibilità finora prevista solo per i comuni sotto la soglia dei 15mila abitanti”. 

Nell’interrogazione si sottolinea infatti il fatto che mentre nei comuni inferiori ai 15mila abitanti è previsto il rinvio delle elezioni “in caso di decesso di un candidato alla carica di sindaco, intervenuto dopo la presentazione delle candidature e prima del giorno fissato per le elezioni” con “l’integrale rinnovo del procedimento di presentazione di tutte le liste e candidature a sindaco e a consigliere comunale”, c’è invece un vuoto normativo per quanto riguarda la stessa circostanza nei comuni sopra i 15mila abitanti, come appunto nel caso di Sulmona. 

“E’ palese” si legge nell’interrogazione “il vuoto normativo presente nella legge vigente, che non dispone nulla in merito al decesso  di un candidato alla carica di sindaco nei comuni con popolazione superiore ai quindicimila abitanti”. L’interrogazione chiede al Ministero dell’Interno “quali iniziative intenda adottare urgentemente al fine di garantire il corretto svolgimento delle elezioni comunali di Sulmona” in caso di mancato rinvio anche in considerazione dei “probabili ricorsi da parte dei soggetti interessati”.

Secondo Sottanelli il mancato rinvio delle elezioni ed il mancato rinnovo della presentazione delle candidature violerebbe infatti  il diritto di elettorato attivo (in quanto gli elettori verrebbero privati di una delle possibilità di scelta non solo nell’elezione del sindaco ma anche in quella dei consiglieri), il principio di ragionevolezza (perché la mancata sospensione è incoerente sia con il nuovo sistema di elezione diretta del sindaco, sia in particolare con il previsto scioglimento del consiglio comunale in caso di decesso del sindaco già eletto) e anche con il diritto di elettorato passivo e parimenti del principio di eguaglianza (perché i candidati consiglieri comunali, appartenenti alla lista collegata al candidato sindaco deceduto, subiscono senza colpa un pregiudizio consistente nella perdita di efficacia della loro candidatura, pregiudizio che li svantaggia rispetto agli altri candidati). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *