Pescara, festa della Polizia low cost. Passamonti: “Grande impegno sulla città”

Incremento di furti e rapine anche se i reati in provincia di Pescara sono leggermente in calo. Lo ha messo in evidenza oggi il questore di Pescara Paolo Passamonti, alla vigilia del 161esimo anniversario della Fondazione della Polizia di Stato.  

Tra il primo maggio 2012 e il 30 aprile 2013 i delitti denunciati complessivamente sono stati 16.182 a fronte dei 16.213 che si sono verificati tra il primo maggio 2011 e il 30 aprile 2012. Ma il dato complessivo è contrassegnato da un aumento di furti e rapine, su questo territorio come nel resto della Penisola.  I furti, emerge dal report annuale, sono passati da un anno all’altro da 7.604 a 8.352 mentre le rapine da 181 a 208.

Un andamento “molto pesante” da questo punto di vista, sia “per le forze dell’ordine che per la cittadinanza – ha commentato Passamonti facendo notare che “non è un momento facile per nessuno” ma l’impegno profuso dalla polizia “è notevole”. Basti pensare agli “877 servizi straordinari, che incidono sulla vita professionale di ognuno di noi – ha detto Passamonti circondato dai dirigenti dei vari servizi. Qui – ha proseguito – abbiamo una visione precisa dell’andamento della criminalità e della situazione di ordine pubblico (sono stati tremila i servizi di ordine pubblico espletati sul territorio). Sono molto soddisfatto di tutte le componenti della Polizia di Stato e ringrazio tutti”. 

Tra le attività svolte e messe in evidenza ci sono i servizi di prevenzione espletati a Rancitelli, che hanno consentito di sequestrare 700 grammi di droga mentre tra i fenomeni su cui si concentra l’attività della Polizia stradale c’é la mancanza di copertura assicurativa dei mezzi (gli incidenti invece sono in calo). E’ stato annunciato, poi, l’arrivo di altri elicotteri (al momento ce n’e’ uno solo). Domani, nel corso di una cerimonia “molto intima”, si procederà alle premiazioni del personale che si è distinto. 

Ma c’è un’altra importate novità emersa nell’incontro tra il Questore e la stampa. E’ stata elaborata in Abruzzo, tra Pescara e Chieti, la prima ordinanza metropolitana in Italia che abbraccia due province e consente al personale delle due questure di coordinarsi. “L’ordinanza – ha detto Passamonti – regola venti chilometri di costa, da Montesilvano a Francavilla, e consente l’intervento congiunto del personale che si muove sui due territori. Ci siamo coordinati molto meglio, abbiamo creato un unico canale radio per cui dalla sala operativa di Pescara parliamo con le pattuglie che sono a Francavilla (in provincia di Chieti), instaurando così un contatto radio direttamente tra le pattuglie (prima dialogavano attraverso i telefonini). Per cui, se succede qualcosa a Francavilla andiamo anche noi, da qui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *