Presunte tangenti nella sanità abruzzese: chiesti 12 anni per Del Turco

Condanna a 12 anni per l’ex governatore della Regione, Ottaviano Del Turco, interdizione dai pubblici uffici. Questa la richiesta formulata dalla pubblica accusa, sostenuta da Giuseppe Bellelli e Giampiero Di Florio, nella requisitoria nell’ambito del processo su presunte tangenti nel mondo della sanità abruzzese nel quale Del Turco è accusato di accusato di associazione per delinquere, corruzione, abuso, concussione, falso. Per i pm l’ex presidente della Regione avrebbe  intascato tangenti per cinque milioni e 800 mila euro. 

Il processo, che s’avvia a conclusione – la sentenza è prevista per il prossimo 18 luglio -, è incentrato sulle accuse dell’ex titolare della clinica privata Villa Pini di Chieti, Vincenzo Angelini, imputato e allo stesso tempo parte offesa nel processo, che nel 2008 in sette interrogatori fiume rivelò ai magistrati di aver pagato tangenti per un totale di circa 15 milioni di euro ad alcuni amministratori regionali in cambio di favori. Per questa vicenda, come si ricorderà, Del Turco fu arrestato il 14 luglio 2008 insieme ad altre nove persone, tra le quali assessori e consiglieri regionali.

Oltre che nei confronti di Del Turco i pm hanno chiesto tre anni per Angelini e la prescrizione per alcuni capi di imputazione e l’assoluzione da un capo di imputazione per non aver commesso il fatto; nove anni e l’interdizione per l’ex parlamentare del Pdl Sabatino Aracu; undici anni per l’ex manager della Asl di Chieti Luigi Conga; nove anni e l’interdizione per l’ex segretario generale dell’ufficio di presidenza della Regione Lamberto Quarta; sei anni e l’interdizione per l’ex assessore regionale alla sanità Bernando Mazzocca; sette anni e l’interdizione per l’ex assessore regionale alle attività produttive Antonio Boschetti. Anche per Boschetti la richiesta di non doversi procedere per prescrizione relativamente ad alcuni capi. Dieci anni, invece, per l’ex capogruppo regionale del Pd Camillo Cesarone. Quattro anni e l’interdizione per Vito Domenici, ex assessore alla sanità della giunta di centro destra. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *