Concorso al comune di Pescara: assolto in appello l’ex sindaco D’Alfonso

L’ex sindaco di Pescara, Luciano D’Alfonso, è stato assolto dalla condanna a quattro mesi di reclusione per il reato di abuso patrimoniale emessa nel 2011 dal Tribunale collegiale di Pescara. La vicenda è quella riguardante l’assunzione del suo ex braccio destro Guido Dezio a dirigente comunale. Secondo l’accusa, l’ex sindaco, per cui il Tribunale aveva anche disposto l’interdizione dai pubblici uffici per lo stesso periodo, avrebbe procurato intenzionalmente a Dezio un ingiusto vantaggio patrimoniale, ‘in violazione delle norme di legge che disciplinano l’accesso alla dirigenza presso il Comune’. Nell’ambito della stessa vicenda, anche Dezio, condannato con rito abbreviato a quattro mesi di reclusione per falso, è stato successivamente assolto in appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *