L’Arta contesta: “Le acque di balneazione abruzzesi non sono da maglia nera”

L’ Agenzia regionale di tutela ambientale non ci sta e all’allarmismo scaturito dopo la presentazione del Rapporto 2013 da parte del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sulla salute delle acque di balneazione d’Abruzzo viene considerato “scorretto, oltre che fuorviante”.

Per l’Arta, i commenti al dossier del Ministero hanno “bollato” negativamente il litorale abruzzese  “perché non si è tenuto conto che i controlli effettuati da Arta secondo il programma di monitoraggio stabilito dalla Regione hanno interessato anche le zone con divieti di balneazione “temporanei” per motivi igienico-sanitari, situate in genere in adiacenza alle zone interdette “permanentemente” alla balneazione che sono localizzate alle foci dei fiumi. Alcune regioni italiane, invece, non hanno inserito tali punti nel proprio calendario di controlli, limitando il monitoraggio alle zone storicamente balneabili. Il criterio adottato in Abruzzo, se da una parte ha prodotto una fotografia senza dubbio più attendibile dell’esistente, ha determinato inevitabilmente una valutazione finale a svantaggio del mare abruzzese perché il confronto con altre regioni italiane è stato effettuato tenendo conto di dati non omogenei. Se avessimo utilizzato lo stesso criterio di altre regioni, anche la situazione dell’Abruzzo nel 2012 sarebbe risultata nettamente migliore”. 

Su 125,6 chilometri di costa, fanno notare dall’Arta, quelli balneabili sono 97,4. L’interdizione permanente alla balneazione riguarda 8,1 chilometri e quella temporanea per motivi igienico-sanitari 3,2 chilometri. I punti di monitoraggio sono 118 e quelli balneabili sono 99 e l’analisi dei dati Arta 2012 evidenzia la sostanziale stabilità della qualità delle acque abruzzesi. 

Precisazioni che arrivano a poche ore dall’incontro che il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, ha  convocato per domani proprio sulle problematiche inerenti la balneabilità delle acque. Al tavolo sono stati invitati il Direttore generale dell’ARTA (Agenzia regionale Tutela Ambientale), Mario Amicone, il Presidente della SASI, Domenico Scutti, il Presidente di ACA, Ezio Di Cristoforo, il Commissario ATO Chietino n.6, Pierluigi Caputi, i Sindaci dei Comuni di Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto, San Salvo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *