Preti pedofili: nell’inchiesta della procura di Roma finisce titolare di agenzia di moda di Civitella Roveto

Nell’inchiesta avviata della procura di Roma sui preti pedofili, scattata dopo le rivelazioni di un parroco, Patrizio Poggi, che ha accusato 9 esponenti religiosi di gestire un vero e proprio sistema di prostituzione che avrebbe come vittime giovanissimi ragazzi stranieri finisce anche un imprenditore marsicano. Si tratta del titolare di un’agenzia di Civitella Roveto,  Marcello Righettini, che secondo le accuse sarebbe tra coloro che “reclutavano” minorenni per offrirli a monsignori e sacerdoti. Righettini respinge ogni accusa e ha presentato una denuncia contro don Poggi e monsignor Luca Lo Russo, consigliere della Santa Sede, altro accusatore. Dice di non aver neanche mai conosciuto i sacerdoti chiamati in causa. Secondo Poggi, invece, il giro di pedofili attingeva dall’agenzia di moda di Righettini. Gli altri indagati sono Giuseppe Buonviso, ex carabiniere, già coinvolto in un giro di prostituzione minorile, e Giancarlo Aleandri, amministratore ”in nero” della Parrocchia di San Filippo Neri. I ragazzi sono tutti minorenni e per la maggior parte romeni, tra i 16 e i 17 anni, che sarebbero stati pagati tra i 150 e i 500 euro a prestazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *