De Fanis scrive a Napolitano: “Presidente, sostenga L’Aquila capitale della cultura 2019”

“Mi appello al Presidente Napolitano perché sostenga la candidatura dell’Aquila quale Centro della Cultura 2019. Un’occasione per dare un nuovo slancio post terremoto a questa città, per farla finalmente conoscere a chi ancora non la conosce”. 

Lo ha detto Luigi De Fanis, assessore alle politiche culturali e alla prevenzione collettiva della Regione Abruzzo nel corso dell’ultima puntata di KlausCondicio, il programma tv di Klaus Davi. Nel corso dell’intervista, in onda su YouTube e visibile al link https://www.youtube.com/user/klauscondicio, l’assessore si è soffermato a parlare del terremoto del 2009 e della ferita ancora aperta che ha lasciato: “E’ impossibile quantificare l’impatto di quella tragedia, ma questo triste evento ha paradossalmente evidenziato delle bellezze che prima passavano inosservate anche se, dal punto di vista turistico, la situazione è ferma. Più che altro c’é questo turismo macabro fatto da persone che vogliono venire a vedere quella che era la falda del terremoto”. “Ma la città – tiene a precisare De Fanis – è visitabile e il centro storico si sta pian piano riaprendo con dei percorsi obbligati, per ovvii motivi, ma sono anche tutto il contorno del Gran Sasso sul versante aquilano e Campo Imperatore a richiamare tanti turisti. Abbiamo riaperto la Fontana delle 99 cannelle, che è forse il monumento più conosciuto dell’Aquila, nonché la bellissima Cattedrale Maggiore di Celestino V e il Castello del ‘500. Insomma, il turista può sicuramente cominciare a rivedere le bellezze aquilane”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *