Sanitopoli: nove anni e 6 mesi all’ex governatore Del Turco

14 luglio 2008, 22 luglio 2013. Dopo 5 anni dagli arresti che azzerano la giunta regionale guidata da Ottviano Del Turco, oggi, nell’aula 1 del tribunale di Pescara, è arrivata la sentenza sulle presunte tangenti nella sanità abruzzese. La legge il presidente del tribunale collegiale Carmelo De Sanctis (giudici a latere Gianluca Falco e Massimo De Cesare), dopo due anni dall’inizio del procedimento in aula e oltre cento udienze e dopo 4 ore e 20 minuti di camera di Consiglio.

L’ascoltano in silenzio e con apprensione i principali imputati, non tutti per la verità. C’è il grande accusatore, Vincenzo Maria Angelini, ma non c’è Ottaviano del Turco, l’ex governatore della Regione ci sono l’ex parlamentare Sabatino Aracu, l’ex assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, il suo ex segretario Angelo Bucciarelli, l’ex manager della Asl di Chieti, Luigi Conga, Antonio Boschetti, ex assessore alle Attività produttive.

Il dispositivo, sette pagine in tutto, è articolato ma quando il presidente De Sanctis inizia a elencare le decisioni assunte in camera di consiglio, diventa una sorta di mannaia. Nove anni e 9 mesi e l’interdizione perpetua a Ottaviano Del Turco, nove anni a Conga e all’ex capogruppo del PD, Camillo Cesarone, sei anni e sei mesi a Lamberto Quarta, ex segretario generale dell’ufficio di presidenza, quattro anni a Boschetti e ad Aracu, due anni a Mazzocca.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *