Armi e munizioni scoperte dalla Finanza a Pescara

Questa notte i baschi verdi della Compagnia di Pescara, nel corso di specifico servizio di  controllo del territorio, hanno rinvenuto e  sequestrato una pistola calibro 7.65, 3 coltelli -di cui due a serramanico- e 66 cartucce illecitamente detenute.

I finanzieri, dopo aver intimato l’alt ad un automezzo in transito, in zona Porta Nuova, si sono insospettiti dalla manovra maldestra della vettura e dal successivo atteggiamento di ingiustificato nervosismo dell’occupante, e  hanno proceduto ad un’accurata ispezione del mezzo rinvenendo, occultata nel vano porta oggetti, l’arma con caricatore inserito  contenente otto cartucce ed un coltello a serramanico.

Il controllo sulla persona, permetteva, altresì di rinvenire altri due coltelli, riposti in una tasca dei calzoni.

Presso l’abitazione del trentatreenne, situata nel quartiere Rancitelli, abilmente occultati in armadi ed in uno sgabuzzino,  i finanzieri rinvenivano   altre cinquantotto cartucce, una radio ricetrasmittente, un distintivo metallico di investigatore privato e un lampeggiante blu, tutto materiale sottoposto a sequestro.

Gli immediati approfondimenti investigativi hanno permesso di appurare che gli era stata revocata la patente di guida e, conseguentemente, scattava anche il fermo amministrativo dell’auto, intestata ad altra persona.

Nei confronti dell’uomo, originario della provincia di Foggia, ma da tempo residente in città, è scattata la denuncia a piede libero per porto abusivo di armi e detenzione abusiva di munizioni.

Proseguono, ora, le indagini della Guardia di Finanza di Pescara, sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, volte a verificare  i canali di approvvigionamento delle cartucce e delle armi rinvenute, nonché l’utilizzo che il giovane ne possa aver fatto in passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *