Coltivava marijuana lungo il Sinello: arrestato 21enne di Guilmi

Scoperto ha tentato di scappare attraverso la vegetazione, ma i carabinieri sono riusciti a bloccarlo dopo un breve inseguimento. Lui, un giovane di 21 anni, aveva da poco innaffiato alcune piante di marijuana, tre per l’esattezza, alte circa due metri ognuna, che erano state sistemate in una zona impervia a due passi dal fiume Sinello.

La piccola piantagione è stata scovata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Atessa in un terreno ai confini tra il comune di Atessa e quello di Guilmi. In manette, con l’accusa di coltivazione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, C.G., originario di Guilmi.  

A segnalare agli uomini dell’Arma la presenza della coltivazione di marijuana in una zona così impervia e non visibile dalla strada ai passanti erano stati alcuni coltivatori. 

Ieri sera, dopo aver tenuto sotto controllo per alcuni giorni la zona, i militari lo hanno visto arrivare. Il 21enne ha iniziato ad irrigare le piante, coltivate tra l’altro in un appezzamento di terreno in stato di abbandono di proprietà della sua famiglia, ma quando si è accorto della presenza dei militari ha tentato di fuggire.  I militari hanno accertato che le foglie ricavate dalle piante di marijuana avrebbero fruttato al 21enne circa 700 grammi di sostanza stupefacente che, una volta venduta, avrebbe garantito un guadagno di circa 7mila euro. Il giovane, su disposizione dell’A.G., è stato associato al carcere di Vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *