Centrale biomasse a Bazzano: Acerbo e M5S si mobilitano

“Una legge-quadro per bloccare il proliferare delle centrali a biomasse sul territorio regionale per evitare che, una buona iniziativa, possa diventare un evento negativo per il territorio”. 

Lo ha detto il consigliere regionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, che questa mattina in una conferenza stampa, ha annunciato che presenterà una interrogazione al presidente della giunta regionale per valutare l’opportunità di revocare le autorizzazioni concesse per l’apertura della centrale a biomasse di Bazzano. Il consigliere regionale Maurizio Acerbo ha ricordato, inoltre, che “la costruzione delle centrali sono finanziate con fondi pubblici per favorire la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e quindi il numero sproporzionato di esse sul territorio regionale potrebbe rappresentare – conclude il consigliere – una minaccia per l’ambiente”.

Sabato prossimo, 28 settembre, alle ore 17, presso il tendone di Piazza Duomo a L’Aquila, si terrà il Convegno pubblico organizzato dal Movimento 5 Stelle L’Aquila per informare la cittadinanza sul tema dei rischi per la salute legati alla realizzazione di un impianto industriale fortemente impattante anche dal punto di vista  ambientale. Saranno presenti i cittadini al Senato:  Enza Blundo e Luigi Gaetti ( Medico, anatomopatologo ).

Interverranno, Gabriele Curci (Fisico dell’atmosfera); Francesco Carlei (Medico, anatomopatologo); Emiliano Petrucci ( Medico in formazione in Anestesia e  Rianimazione).

L’argomento verrà trattato anche sul piano fisico-chimico e medico-sanitario, fornendo un quadro documentato delle specifiche emissioni gassose  e delle principali malattie conseguenti a problematiche di inquinamento, con riferimento a situazioni ambientali gravose già esistenti nell’Aquilano e che concorrono a incrementare i danni che la messa in funzione della centrale andrebbe a creare.

Al dibattito contribuiranno rappresentanti istituzionali di Comune, Provincia e Regione invitati a presenziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *