La FILCTEM-CGIL: “La situazione all’Aca è divenuta intollerabile e insostenibile”

A questo punto ci chiediamo: cosa vogliono fare i sindaci soci dell’ACA? Mantenere questa situazione equivale a esserne conniventi. Chiediamo che si ripristino le regole in tempi brevissimi che si individui una figura super-partes con la quale poter affrontare le questioni poste, ormai, da troppo tempo, che riguardano soprattutto un non più rinviabile confronto sulla gestione delle risorse e sulle politiche industriali”.

E’ quanto sostiene il Segretario FILCTEM-CGIL Pescara, Domenico Ronca circa la situazione di stallo determinatasi all’ACA, divenuta “intollerabile e insostenibile. Siamo in presenza di una totale assenza di qualsiasi iniziativa volta a risolvere una situazione di una gestione inqualificabile di una struttura che dovrebbe essere della collettività, e che invece risponde a logiche privatistiche, clientelari ed eticamente incomprensibili. Si continuano ad applicare le modalità di sempre: l’assenza di qualsiasi confronto con i rappresentanti dei lavoratori, l’esternalizzazione di funzioni primarie dell’ente (ad esempio l’interruzione della erogazione dell’acqua alle famiglie) al di fuori di qualsiasi regola e possibilità di controllo – afferma il sindacalista -; il non rispetto contrattuale sia sulla mancata erogazione di somme dovute come straordinari prestati da dipendenti che sono stati obbligati da ordini di servizio, a nostro avviso illegittimi; contemporaneamente all’erogazione di premi individuali che vanno fino a 5.000 euro, sempre al di fuori di qualsiasi contrattazione; mentre gli automezzi rimangono senza benzina ed i lavoratori,  a volte, sono costretti ad anticipare di tasca loro senza avere nessuna garanzia di essere rimborsati. O si va immediatamente ad una assemblea che affronti definitivamente la questione, o i Sindaci si assumeranno la responsabilità di un fallimento che ricadrà sulle loro collettività – avverte Conca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *