A Casalncontrada, celebrazioni in onore di Cesare De Lollis

Una serata da incorniciare quella della cerimonia indetta per le celebrazioni in onore di Cesare De Lollis, il filologo di fama europea di cui ricorre il 150 della nascita.

Alla presenza di un folto pubblico, nella Chiesa della Madonna delle Grazie, il Sindaco Concetta Di Luzio ha aperto il sipario su uno spettacolo ispirato ai testi di Cesare De Lollis, recitati da Alessio Tessitore e Giancarlo Zappacosta, con un commento musicale estremamente suggestivo di impronta cinematografica creato appositamente da Carlo Pellicciaro. Il lavoro è stato favorevolmente commentato e particolarmente apprezzato da Claudio Magris, a cui è stato assegnato il Premio Internazionale della XI edizione del Concorso “Cesare De Lollis”. Magris ha sottolineato l’attualità del filologo abruzzese e la sua importanza nell’ambito delle letterature europee. La serata è proseguita con la lettura di una biografia “sceneggiata” dello scrittore e germanista triestino, costellata di riflessioni e brani tratti dalla vita e dalle sue opere,  ideata da Sabatino Ciocca, coordinatore dello spettacolo.

La seconda parte, dedicata al ricordo di Ennio Esposito, studioso di neuroscienze, ha registrato momenti di forte commozione, quando è stato sottolineato come l’impegno del ricercatore di Casalincontrada continui grazie ai suoi allievi, che hanno pubblicato una ricerca da lui iniziata. Il premio “Esposito” è andato a Filippo Maria Ferro, al quale è stata donata la moneta “delle ribellioni”, simbolo di rivolta per il popolo abruzzese, copia creata da un orafo pescarese su quella originale coniata nella città di Chieti nel 1495 all’epoca di Carlo VIII di Francia. Ferro ha di recente pubblicato il risultato di una ricerca di valore internazionale sulla schizofrenia, pubblicata dalla rivista scientifica più prestigiosa del pianeta, a testimonare l’eccellenza della nostra ricerca scientifica purtroppo ignorata dalla stampa del nostro Paese, che ha praticamente ignorato la notizia di risonanza mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *