Italcementi Scafa: scatta da febbraio la cig per i lavoratori

La Italcementi ha comunicato a Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil che i lavoratori in forza a Scafa di Scafa andranno in cassa integrazione a partire dal 1° febbraio 2014. La notizia è stata ufficializzata ieri nel corso di in un incontro presso Confindustria Pescara

Domani, intanto, 65  lavoratori dell’azienda parteciperanno alla manifestazione nazionale delle maestranze di tutte le unità produttive della Italcementi, a Bergamo. Ci saranno anche i rappresentanti dei sindacati di categoria del pescarese e i sindaci del bacino minerario della Val Pescara, annuncia Gianni Panza della Feneal Uil. Il concentramento è previsto alle 10,45 in via Madonna della Neve, poi si terrà un corteo che terminerà con un presidio davanti alla sede della Italcementi, e seguiranno gli interventi delle RSU dei vari stabilimenti e le conclusioni dei segretari nazionali di comparto. 

“Ieri – spiega Panza – la Italcementi ha promosso un incontro in Confindustria, a Pescara, e ha annunciato chiaramente che dal primo febbraio prossimo gli addetti saranno collocati tutti in cassa integrazione, sia per la Italcementi che per la Sama, sospendendo la produzione. L’azienda ha anche annunciato di voler avviare uno studio su una ipotesi di riconversione ma i sindacati hanno ribadito la richiesta di dare piena attuazione al piano di ristrutturazione di gennaio, evitando che vengano penalizzati, a livello nazionale, solo gli stabilimenti di Scafa e Monselice. Oltre a Panza c’erano Massimo Di Giovanni, della Cgil, e Francesco Martire della Cisl, oltre a Confindustria. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *