Atessa, manifesti a lutto per l’ultimo saluto al boia delle Fosse Ardeatine

Ieri pomeriggio ignoti, ad Atessa, hanno affisso sui muri solitamente utilizzati dalle agenzie di pompe funebri del posto una decina di manifesti funebri per la morte del nazista Erich Priebke, morto a Roma tre giorni fa all’età di 100 anni. Nicola Cicchitti,  sindaco della città sangrina, li ha fatti rimuovere oggi per affissione abusiva e ha denunciato il fatto in un esposto ai carabinieri di Atessa, al prefetto di Chieti e alla Procura della Repubblica di Lanciano. 

I manifesti, stando a quanto si apprende, sono stati stampati in proprio. Nel foglio listato a lutto, oltre al nome del nazista, un messaggio: “riposa in pace capitano”, firmato “camerati atessani” e due immagini sacre. Non ci sono altri dettagli nel manifesto che è stato pubblicato su facebook nella tarda serata di ieri da alcuni utenti indignati dal gesto. 

“Si tratta di pochi fanatici da cui ovviamente tutta la comunità atessana prende le distanze – dichiara all’Agi il sindaco Nicola Cicchitti – questi fantomatici ‘camerati’ si celano dietro un foglio invece di venire allo scoperto, posto che esistano. Temo che qualcuno abbia voluto con questo gesto da vili mettere in cattiva luce il nostro paese: purtroppo, visto il clamore che ha suscitato, sembra esserci riuscito”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *