Il Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali di Teramo avvia ricerca su scala nazionale degli italiani rimpatriati dalla Libia

Storia dell’emigrazione, problemi dell’integrazione, aspettative, dinamiche e interazioni sociali, e infine il rimpatrio obbligato, nel 1970, con la confisca dei beni ad opera del regime Gheddafi. Sono questi i temi contenuti nel questionario a risposta aperta che il Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali dell’Università “Gabriele d’Annunzio” ha avviato su scala nazionale in collaborazione con l’Airl, l’Associazione italiana rimpatriati dalla Libia. 

Presentata nel convegno nazionale  svoltosi lo scorso 6 ottobre a Roma, presso l’Università urbaniana, la collaborazione si traduce in un questionario realizzato dall’équipe di ricerca della Cattedra di Storia Contemporanea. È in distribuzione fra i rimpatriati iscritti all’Airl e mira a raggiungere anche quegli italiani non censiti, per un lavoro mai svolto prima di conservazione della memoria di una storia italiana poco e mal raccontata.

Il primo degli eventi programmato a tal fine avrà luogo presso l’Università nel mese di dicembre, con un convegno aperto a tutti i rimpatriati italiani dalla Libia. Gli Italiani rimpatriati che volessero partecipare alla  ricerca possono contattare il DILASS  allo 0871/3556500 o scrivere a info.lettere@unich.it. 

«Il questionario è uno strumento per ricostruire e salvaguardare la memoria dell’esperienza vissuta di coloro che hanno scritto una parte dimenticata della storia degli Italiani in Libia – spiega il direttore del Dipartimento prof. Stefano Trinchese – È una vicenda poco raccontata, molto sofferta e pressoché sconosciuta. Arricchiremo così il patrimonio delle fonti orali disponibile per gli studiosi, ricollocando nella corretta dignità umana e storica gli eventi compresi tra il 1938 e il 1970. Le risposte lasciano spazio alle suggestioni ed emozioni che i ricordi dovessero suggerire, intorno a ciò che definiremmo il vissuto personale in terra libica». 

Il Dipartimento riprende l’offerta formativa della Facoltà di Lettere e Filosofia, riproponendo e ampliandone l’offerta didattica con i tre corsi triennali di Lettere, Beni culturali e Servizio sociale e le  corrispondenti lauree biennali in Filologia, linguistica e tradizioni letterarie; Beni archeologici e storico-artistici; e Politiche e management per il welfare. 

Il corso triennale in Lettere è diviso, dall’a.a. 2013/14, nei seguenti indirizzi: Lettere classiche, Lettere moderne, Beni archeologici, Beni artistici e culturali, e Storia e Linguaggi della musica e dello spettacolo. Il corso triennale in Beni culturali è diviso negli indirizzi archeologico e storico-artistico. Le iscrizioni scadono il 5 novembre 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *