“Dai Cavalli animale ai Cavalli motore”: viaggio nei trasporti nel pescarese

Giovedì 7 novembre, alle ore 17, presso la Sala Favetta del Museo delle Genti d’Abruzzo, verranno ripercorse insieme al pubblico le fasi che un secolo fa portarono alcuni perspicaci imprenditori ad investire per costituire una rete di trasporti, prima su mezzi trainati da cavalli e poi motorizzati, al fine di condurre i passeggeri dalle zone interne fino a valle, verso i centri nevralgici di allora, come Castellamare Adriatico-Pescara, Chieti e Roma.

Attraverso interessanti documenti d’archivio gli autori, Raffaele Ambrosini, Norma d’Ercole, Renzo Gallerati e Annalisa Massimi, evidenzieranno l’importanza delle relazioni fra città e campagna per lo sviluppo sociale ed economico dei nostri territori e come la costituzione di una rete di trasporti, attraverso l’evoluzione dei mezzi disponibili, fosse determinante per favorire tali processi di crescita.

Oggi le aziende locali di trasporto pubblico su gomma e ferro, sull’esempio di allora, sono chiamate ad assumere un’analogo ruolo strategico nella gestione dei traffici ed a definire le reti ed i mezzi di trasporto del terzo millennio verso i moderni centri nevralgici: quelli dell’area metropolitana, col prossimo “Filò” di GTM spa, e quelli interregionali su ferro per passeggeri e cargo, con relazioni costiere veloci verso Bologna TAV e i grandi interporti merci del nord e portuali del sud.

Per questo sono stati chiamati ad intervenire il Presidente della Gestione Trasporti Metropolitani di Pescara, Michele Russo, ed il Presidente della Ferrovia Sangritana Pasquale Di Nardo, i quali  illustreranno idee e prospettive sul trasporto integrato per l’Abruzzo, sulla base delle loro esperienze . 

La lettura della storia, attraverso la presentazione di un libro in questo caso, ci auguriamo che possa aiutare a comprendere gli elementi sui quali incominciare a costruire un concreto futuro di rilancio per il nostro territorio.

Il dibattito sarà moderato dal sociologo e giornalista Dario Recubini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *