Nel 2008 rapinò centro commerciale a S. Salvo: deve scontare 2 anni, 5 mesi e 24 giorni di reclusione

I Carabinieri della Stazione di San Salvo, ieri pomeriggio, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vasto, hanno eseguito un ordine definitivo di carcerazione nei confronti di D.N.C., 27enne del luogo, che dovrà scontare la pena detentiva di 2 anni, 5 mesi e 24 giorni di reclusione per i reati di lesioni e rapina in concorso. L’uomo è stato associato alla casa circondariale di Vasto.

Il provvedimento emesso dall’Autorità Giudiziaria è legato ad un episodio criminoso avvenuto nel 2008 a San Salvo in cui l’uomo, allora 22enne, fu protagonista unitamente ad un complice. 

D.N.C. fu arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto a conclusione di un’attività d’indagine avviata a seguito di una rapina compiuta presso il centro commerciale “Leclerc” di San Salvo. Come fu accertato dagli uomini dell’Arma, in quella circostanza, due giovani, uno dei quali poi identificato in D.N.C., dopo essersi impossessati di un televisore da un negozio di elettronica, mentre si accingevano a lasciare il centro commerciale, furono sorpresi da un addetto alla sorveglianza il quale, insospettito dalla presenza di un’autovettura nei pressi dei magazzini, cercò di fermarli.

I due giovani, invece di fermarsi, a bordo di un’ utilitaria, con una manovra repentina in retromarcia, investirono il vigilante, il quale fortunatamente riportò lievi contusioni e alcune escoriazioni. Prima di raggiungere il locale pronto soccorso per le cure del caso, il vigilante avvisò la Centrale Operativa dei Carabinieri, la quale mandò subito sul posto una pattuglia. Dalla sommaria descrizione dei due giovani, i carabinieri concentrarono la loro attenzione su alcuni pregiudicati della zona. Ulteriori elementi, raccolti successivamente, consentirono ai carabinieri di denunciare alla locale Procura della Repubblica i due giovani, avendo riscontrato a loro carico gravi indizi di colpevolezza tali da poter richiedere l’applicazione della custodia cautelare in carcere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *