D’Alfonso si mette in moto: Testa resta al suo posto

Guerino Testa

Ha fatto il pieno e messo in moto ‘Regione’, il camion tre assi con il quale attraverserà l’Abruzzo. Certo, il viaggio verso L’Aquila è in salita non solo perché c’è da affrontare il tratto appenninico prima d’arrivare al Palazzo dell’Emiciclo. Ci sono di mezzo le primarie da affrontare. Luciano D’Alfonso è in campo ed è pronto alla sfida nel Pd. Lo ha annunciato oggi alla Sala Tosti dell’Aurum, per ufficializzare la sua candidatura.

Una giornata particolare per Pescara, non solo per l’ex sindaco. A poca distanza, Guerino Testa, che venti giorni fa si era dimesso da presidente della Provincia ha spiegato le ragioni per le quali ieri è tornato indietro nella sua decisione e non correrà più per la Regione. “Il partito, cioé  Alfano, Quagliariello e Federica Chiavaroli, mi aveva chiesto di mettermi a disposizione  e l’ho fatto sapendo che avevo venti giorni di tempo per valutare il da farsi. Adesso il panorama politico è più chiaro e quindi, avendo ritirato ieri pomeriggio le dimissioni, rientro alla guida dell’ente per una serie di motivi. E, ovviamente, non mi candido alle elezioni regionali”. Testa porterà avanti il programma politico-amministrativo in attesa di capire se sarà lui a contendere a Luigi Arbore Mascia la candidatura a sindaco di Pescara. Una scelta, se ci sarà, che dovrà comunque avvenire con le prmarie. “La scelta deve spettare ai cittadini. Ed è importante che la coalizione faccia quadrato su questo, evitando spaccature. La coalizione divisa sarebbe un grave errore. Il  centrodestra deve essere unito, coeso e aperto, non chiuso, né deve delegare ai rappresentanti romani la scelta del candidato sindaco di Pescara”.

Per tornare a D’Alfonso, le idee sono chiare. Girerà per raccogliere idee, per confrontarsi su progetti e programmi da portare con se a L’Aquila. “Sarà una Regione che si farà toccare con mano, più facile, più veloce, più comoda, più premurosa e più bella. Finalmente si insedierà il regionalismo, cosa che l’Abruzzo non ha mai conosciuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *