Gennaro Varone presenta il suo nuovo cd “La notte e la sposa”

Il terzo disco di Gennaro Varone “La notte e la sposa” sarà presentato ufficialmente dall’autore domenica 16 marzo all’Accademia Musicale di Pescara, in via dei Peligni 152, con un concerto in live acustico a ingresso libero a partire dalle ore 18. Sul palco saliranno, oltre a Gennaro Varone, il violoncellista Paolo Spina dell’Accademia musicale di Pescara, la pianista Maria Michela Varone e il sassofonista Alex Di Rocco.

Alla realizzazione dell’album  hanno partecipato Varone (voce, chitarra acustica, armonica, tastiera e pianoforte), Maria Michela Varone (pianoforte – Novecento, Ballata, La notte e la sposa), Marco Corneli (armonica – La notte e la sposa), Angelo Castellano (basso elettrico), Sonia Di Renzo (voce), Ferdinando Ferri (batteria e percussioni – Dimmi che cosa c’è, Novecento, Non sarò mai, La notte e la sposa), Alex Di Rocco (sax – Il senso del colore celeste) Matteo Di Rocco (batteria e percussioni – Come una foglia di the). Tutte le canzoni sono state composte, musica e parole, da Gennaro Varone. Il disco è stato registrato, mixato e masterizzato all’Ultrasonic Studio di Pescara. La copertina è stata realizzata da Maria Di Rosso.

Contiene otto brani nei quali sonorità squisitamente acustiche, con un velo di armonica, avvolgono testi delicati e poetici, eleganti racconti a voce calda sulla vita e l’amore. La raccolta spazia dalla bossa nova del brano di apertura “Dimmi che cosa c’è” al valzer di “Novecento”. Dai ritmi country di “Come una foglia di the” alla “Ballata” con voce e piano dedicata alla vita. Si passa attraverso il rock lento di “Non sarò mai”, che propone un crescendo di suoni e frasi vocali sovrapposte in stile anni Settanta a “In un giorno” in cui l’Autore riflette sul significato da dare ad ogni minuto dell’esistenza. Infine il disco si chiude con i brani, dolcissimi e struggenti, “Il senso del colore celeste” dedicato alle figlie Michela e Alessandra e con la ballata finale “La notte della sposa” che dà il nome all’album.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *