A rischio finanziamento per collegamento funiviario Passo Lanciano-Maielletta

“Il decorso infruttuoso di ulteriore tempo potrebbe portare alla revoca del progetto di realizzazione di un collegamento funiviario con relativa struttura di servizio per il trasporto pubblico di persone fra le stazioni sciistiche di Passo Lanciano e Maielletta”.

È il grido d’allarme lanciato dal vice presidente del Consiglio provinciale di Pescara, Andrea Di Meo, a margine della commissione consiliare sul Turismo che si è svolta stamattina in Provincia di alla presenza dell’assessore Aurelio Cilli in veste di relatore.

Secondo Di Meo, “i fondi dell’Unione europea Par-Fas prevedono un cronoprogramma piuttosto dettagliato e perentorio. Bisogna approvare il progetto esecutivo e avviare una gara di appalto: se si continua a far melina e a perdere altro tempo, questa situazione potrebbe mettere a rischio il finanziamento di 2milioni e 400mila euro già previsto”.

“Quando sono stato sindaco di Serramonacesca – prosegue Di Meo – la mia premura era quella di chiedere alla Regione Abruzzo di puntare sullo sviluppo di Passo Lanciano che rappresenta un volano per la ripresa del territorio. Oggi siamo di fronte ad una gravissima carenza di infrastrutture, e la mancanza di collegamenti rappresenta un deficit per una stazione sciistica degna di tale nome”.

D’altronde le Province di Chieti e Pescara e i Comuni di Pretoro, Rapino, Roccamorice, Serramonacesca e Lettomanoppello hanno firmato nei mesi scorsi un accordo di programma proprio per dare attuazione alla programmazione regionale.

Di qui l’appello del vicepresidente. “Auspico che gli enti interessati considerino lo sviluppo turistico con le chiare ricadute economiche positive elemento attrattivo, prioritario della Regione Abruzzo e che a seguito di questa premessa, agiscano concretamente considerando la realizzazione di questo progetto un obiettivo strategico la cui realizzabilità amministrativa avvenga in tempi brevi e certi, in quanto opera fondamentale per le province di Pescara e Chieti e per tutti i comuni che ricadono sul versante della Majella”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *