Assistenza alle persone affette da SLA: finanziamenti della Regione per 8 comuni del pescarese

La Regione Abruzzo intende favorire la permanenza delle persone affette da SLA nel proprio domicilio attraverso assegnazioni economiche finalizzate a: attivare e sostenere percorsi assistenziali tarati sui bisogni dei malati nelle differenti fasi di evoluzione della malattia; riconoscere e valorizzare il lavoro di cura del familiare e degli assistenti familiari.

Si tratta di assegni di cura finalizzati a favorire la permanenza nel proprio domicilio dei malati di SLA, i quali possono scegliere di destinarne l’importo: all’acquisto di prestazioni assistenziali da parte di assistenti familiari; al riconoscimento economico dell’impegno assistenziale del familiare.

L’iniziativa è rivolta ai residenti dei comuni di Cappelle sul Tavo, Cepagatti, Città S. Angelo, Elice, Moscufo, Nocciano, Pianella e Spoltore.

Gli assegni di cura saranno erogati dalla Regione Abruzzo al Comune di Città Sant’Angelo per tutti i Cittadini residenti nei Comuni sopra indicati. Le richieste, pertanto, dovranno essere inviate entro e non oltre il 18 aprile prossimo al Comune di Città Sant’Angelo, Piazza IV Novembre, n.1, 65013 Città Sant’Angelo (PE) mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o consegna diretta, la data del timbro dell’Ufficio ricevente. La modulistica per effettuare la richiesta è disponibile presso l’Ufficio di Segretariato Sociale di ciascuno dei Comuni sopra ricordati. L’istanza deve essere formulata dal diretto interessato o da chi ne cura gli interessi.

Possono presentare istanza di accesso agli assegni di cura i cittadini per i quali sia stata certificata la diagnosi definitiva di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), rilasciata da struttura pubblica competente. Gli assegni di cura verranno erogati ai malati cui l’Unità Valutativa Multidimensionale dell’Azienda U.S.L. attribuirà un punteggio globale di compromissione funzionale uguale o superiore a 10 (dieci). A ciascun livello di intensità assistenziale di cui necessita il malato di SLA, corrisponde un diverso importo dell’assegno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *