Morte sospetta a Chieti: escluse cause di origine infettiva a trasmissione aerea

Escluse patologie legate a una possibile . E’ quanto emerge dopo un vertice tra le figure professionali che, a vario titolo, hanno lavorato sul caso dei coniugi di Chieti, e che si è svolto questa mattina all’Ospedale “SS. Annunziata”, dove il marito è ricoverato presso la Rianimazione, in prognosi che rimane riservata. Come noto, la moglie è deceduta prima dell’arrivo in Pronto Soccorso. La conclusione è scaturita dalla valutazione dell’evoluzione clinica del paziente ricoverato, dei primi risultati degli esami condotti su entrambi i coniugi e da quanto emerso finora dall’autopsia eseguita sul corpo della donna.

All’incontro hanno preso parte i medici della Direzione sanitaria dell’ospedale di Chieti, dell’Anestesia e Rianimazione, delle Malattie infettive, del Pronto Soccorso, dei Servizi di Medicina legale e di Medicina del Lavoro nonché del Dipartimento di Prevenzione. Sono ancora in corso indagini che prevedono anche accertamenti ambientali da parte del Dipartimento di Prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *