Maltrattamenti in famiglia: arrestato dalla polizia

La II Sezione della Squadra Mobile della Questura di Chieti, a seguito di indagini su reati contro la persona, in danno dei minori e reati sessuali, ha effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di M.M. nato il 13.3.1983 in Albania, rinvenendo una pistola marca Beretta cal.7.65 e un pugnale illegalmente detenuti.

All’indomani, la moglie del cittadino albanese presentava un dettagliata denuncia per Polizia. La donna descriveva con dovizia di particolari una lunga serie di maltrattamenti ormai in atto da anni, che si consumavano dinanzi ai tre figli minori, consistenti in percosse, continue offese ed umiliazioni. Nell’ultimo periodo l’uomo era arrivato anche a minacciare la donna con la pistola ed il pugnale, noncurante della presenza dei propri figli, e a richiedere alla moglie prestazioni sessuali contro la sua volontà.

Dopo la denuncia, la donna, che temeva per la propria incolumità, veniva collocata in località protetta presso una struttura di prima accoglienza.

A conclusione delle indagini e con riscontri dalla Squadra Mobile con le dichiarazioni della vittima,  il  GIP del Tribunale  di Chieti, su richiesta del P.M.,  emetteva un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’ordinanza è stata  eseguita oggi. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Chieti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *