“Storie di Zhoran. Storie di Zingari e violini” al Britti di Pescara

La rassegna teatrale di “W San Donato”, organizzata da Associazione Re.Te. in collaborazione con Muré Teatro e Errori di Trasmissione, arriva al suo quarto appuntamento con “Storie di Zhoran. Storie di Zingari e violini”.

Al Britti di via Rio Sparto (ex mercato coperto in zona San Donato a Pescara) l’autore e attore Giuseppe Ciciriello, accompagnato dalle musiche di Piero Santoro, sarà pronto a salire sul palco per raccontare le storie di Zhoran, coscienza di una cultura orale che si tramanda di generazione in generazione, sopravvissute al tempo e alle difficoltà.

Storie tratte dalla tradizione Rom e storie ispirate alla stessa, scritte, riscritte, inventate o reinventate, si intrecceranno in scena a riflessioni filosofiche, ironiche e sarcastiche, ma soprattutto a quelle sulla diversità e sull’uomo.

Zhoran è uno zingaro che aiutò Dio a creare il mondo, è anche uno zingaro che vinse  il violino al diavolo, e ad accompagnare lo sviluppo delle vicende di Zhoran c’è il suo amico Borhat (Piero Santoro) con le melodie, i ritmi e le armonie della tradizione Rom e Balcanica.

Uno spettacolo sarcastico e divertente che si pone l’obiettivo di innescare la riflessione sullo spettatore, spingendolo a chiedersi con leggerezza chi è l’altro o chi è il “diverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *