Turismo: 16 milioni di euro dalla Regione a sostegno delle imprese

La Regione Abruzzo punta ancora sul turismo e rifinanzia la L.R. 77/2000 – Interventi di sostegno alle imprese operanti nel settore del turismo.

Il bando è volto al miglioramento qualitativo delle strutture ricettive, strutture all’aria aperta, parchi divertimento e stabilimenti balneari e si pone l’obiettivo di innescare un processo di miglioramento continuo del mercato dell’offerta turistico-ricettiva della Regione.

Le risorse finanziarie stanziate prevedono un fondo di più di 16 milioni di euro, provenienti da risorse regionali (€ 1.650.000.000) e in massima parte da economie derivanti dalle annualità pregresse giacenti presso la FIRA (€ 14.500.000). Dopo aver fatto una ricognizione di tali fondi, la Finanziaria Regionale Abruzzese, che ha gestito le precedenti annualità, ha certificato all’assessorato guidato da Mauro Di Dalmazio le somme disponibili, che ha così potuto proporre il nuovo bando. Gli interventi prioritariamente ammessi a finanziamento sono quelli che alla data di presentazione della domanda sono già cantierabili, ovvero, sono già in possesso del permesso a costruire, ovvero, già in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie per l’inizio lavori. I programmi di investimento finanziabili sono quelli già avviati dal 1/01/2012. Tra i criteri che concorreranno ad attribuire punteggio di merito sono ricomprese le operazioni finalizzate all’ottenimento o all’implementazione delle certificazioni di qualità ambientale e/o dell’accoglienza secondo standards e metodologie riconosciute (ISO 9001, ISO 14001, EMAS, ECOLABEL europeo, ECOWORLDHOTEL). In tal modo si potrà soddisfare la crescente domanda di strutture ricettive certificate e qualificate in armonia con l’ambiente.

“E’ una grande opportunità – commenta Di Dalmazio – un intervento in grado di dare un sostegno fondamentale alle strutture ricettive e balneari che consentirà il miglioramento di quelle esistenti e la creazione di nuova ricettività di qualità”. Molta attenzione è stata prestata alla valorizzazione del patrimonio edilizio esistente e agli interventi di riconversione. Il valore di questa azione é aumentato dal fatto che le risorse che verranno investite nel programma sono quelle non spese nel quadriennio 2003-2007, ormai incagliate e recuperate a seguito di un lungo lavoro. Continua l’assessore: “Da un punto di vista tecnico, recependo le istanze unanimi provenienti dagli operatori, la novità più rilevante è che non si tratterà più di un bando a sportello con sorteggio, ma verrà stilata una graduatoria sulla base di criteri indicati nel programma”. Una importante novità che permetterà di finanziare i progetti più interessanti e meritevoli.

Le domande in bollo dovranno essere inoltrate per racc. AR alla Regione Abruzzo – Direz. Sviluppo Economico e del Turismo – Pescara, dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sul BURA e non oltre il 60° giorno.

Il fondo di dotazione finanziaria per l’erogazione delle agevolazioni previste sarà costituito presso la FIRA S.p.A. – Finanziaria Regionale Abruzzese. “Questo bando costituisce un’opportunità eccezionale per l’Abruzzo, poiché contribuisce a dare un incisivo impulso economico ad una Regione dalla forte connotazione turistica” spiega Rocco Micucci, presidente di FIRA. “Il nostro ruolo, oltre che tecnico, sarà quello di supportare l’assessorato nella divulgazione delle opportunità previste dal bando tramite l’organizzazione di infoday nelle principali città abruzzesi”.

La delibera sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *