Porto di Pescara: la marineria di nuovo in fermento

La marineria di Pescara chiede risposte e certezze sul porto cittadino e sugli indennizzi che sono stati promessi ma non sono mai arrivati e annuncia una assemblea per fare il punto della situazione. L’incontro si terrà sabato 10 maggio alle ore 10 nella sede dell’Associazione Armatori, che spiega i motivi di questo appuntamento e parla della volontà di organizzare una manifestazione di protesta eclatante, considerato che i problemi sono ancora tutti in piedi.
Le questioni che solleva l’Associazione Armatori sono diverse:  i dipendenti sono ancora in attesa di percepire le somme della Cassa integrazione in deroga per i mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile del 2013 e il fermo biologico del 2013, sempre per gli imbarcati. Somme annunciate ma mai erogate; gli armatori, cioè le imprese, non hanno ancora ricevuto l’annunciato fermo biologico per l’anno 2013;  i due milioni e mezzo che il Governo ha destinato alla marineria pescarese, danneggiata a lungo dal mancato dragaggio del porto, sono ancora bloccati e non si capisce cosa stia facendo la Regione, considerato che i mesi passano e la questione non si sblocca.

Per quanto riguarda l’iter del Piano regolatore portuale l’Associazione chiede di essere invitata a seguire i lavori del Consiglio comunale, essendo i diretti interessati. Nel merito, dice l’Associazione, abbiamo già spiegato com’è il porto che serve a questa città e non è quello previsto nel Prp. Le istituzioni poi vengono invitate a coinvolgere la marineria ogni qualvolta si prendano decisioni relative a questo settore.

L’Associazione chiede agli amministratori di farsi carico di queste problematiche che restano prioritarie per molte famiglie, nonostante la campagna elettorale in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *