Crisi in Ucraina, la Saga annuncia rinvio avvio voli Pescara-Mosca

La situazione in Ucraina è tale da non consentire, al momento, l’avvio dei voli da Pescara a Mosca, nel prossimo mese di giugno. E’ questo, in sostanza, il motivo con il quale oggi la Saga, che gestisce lo scalo aeroportuale abruzzese, ha deciso di comunicare la decisione di far slittare l’avvio dei collegamenti, curati dall’Intourist.

“La crisi in atto sta avendo un impatto negativo, superiore alle attese, sui flussi di traffico dalla Russia verso i paesi della Unione Europea. In particolare – spiega la Saga -, le sanzioni commerciali imposte dai governi europei nei confronti della Russia e l’acuirsi delle tensioni politiche hanno già indotto molti turisti russi a privilegiare destinazioni extra-europee per le loro vacanze estive. Inoltre, il sensibile deprezzamento del rublo rispetto all’euro (20 per cento nel corso degli ultimi dodici mesi) ha significativamente ridotto la capacità di spesa dei turisti russi nei paesi dell’area euro e ne ha condizionato di conseguenza le scelte. Un tale scenario e la riduzione delle prenotazioni del 30 per cento, registrata sulla destinazione Italia rispetto allo scorso anno, hanno indotto Intourist a raddoppiare da un lato lo sforzo di promozione e comunicazione sul mercato russo e, dall’altro lato, a concentrare l’offerta sulle principali destinazioni servite, differendo l’avvio del volo Mosca-Pescara. Il lavoro congiunto sin qui fatto e l’ottima relazione commerciale con istituzioni e operatori abruzzesi – prosegue la Saga – hanno tuttavia indotto Intourist a proseguire la vendita dei pacchetti turistici che prevedono permanenze e pernottamenti in Abruzzo. I clienti che sceglieranno questi itinerari potranno così avere contezza in prima persona delle bellezze e delle attrattive del territorio e contribuire alla diffusione della conoscenza della Regione Abruzzo come meta turistica ricca e diversificata. Rimane anche confermato – conclude la nota – l’impegno di Saga e Intourist per il collegamento aereo diretto che verrà programmato non appena la domanda turistica mostrerà concreti segni di ripresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *