A Lanciano graffiti per il progetto “Diritti e Rovesci”

Tre writers conosciuti a livello internazionale per i loro lavori sparsi nelle strade e nei musei di tutto il mondo si fermeranno a Lanciano per realizzare un grande graffito sul tema della legalità.

Macs di Lanciano, Arsek ed Erase di Sofia, in Bulgaria, saranno a lavoro da lunedì 26 a mercoledì 28 sul muro esterno della pista di atletica, in via Guido Rosato.

L’iniziativa, a cura dell’associazione “Friends”, rientra nel progetto “Diritti e Rovesci”, promosso dall’assessorato comunale alle Politiche sociali e finanziato con fondi Par-Fas Abruzzo per diffondere la cultura della legalità.

Giocando sull’eterna lotta tra il giorno e la notte, che fin dall’antichità personificano il bene ed il male, il graffito rappresenterà dei personaggi intenti a volare verso il sole per sfuggire dalle grinfie delle tenebre, lanciando un messaggio positivo: uscire dall’ombra e vivere la vita alla luce del sole. Alla realizzazione del murales sono invitati ad assistere ragazzi e appassionati dell’arte dei graffiti.

Continua il percorso sulla legalità delle associazioni che collaborano al progetto del Comune. A conclusione dei cicli di incontri nelle scuole superiori cittadine, oggi l’Ipa Lanciano partecipa con due classi terze del liceo scientifico Galilei alla commemorazione di Giovanni Falcone che si svolge a Roma, nella Scuola di polizia penitenziaria che porta il nome del magistrato ucciso dalla mafia. Una partecipazione straordinaria quella degli studenti frentani poiché all’evento sono presenti gli istituti scolastici della capitale intitolati a Falcone. I ragazzi partecipano con elaborati anche allo speciale premio intitolato al magistrato siciliano. Mercoledì 28 e giovedì 29, inoltre, le classi quarte dello Scientifico, che hanno partecipato al progetto “Diritti e Rovesci”, faranno visita alla casa circondariale di Villa Stanazzo.

Gli appuntamenti con la legalità continueranno anche nel mese di giugno con rappresentazioni teatrali e la mostra conclusiva delle attività e dei lavori svolti dai ragazzi di tutte le scuole coinvolte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *