Processo Grande Rischi: 6 dei 7 componenti dell’ex Commissione assolti

Ribalta la sentenza di primo grado e assolti dalle accuse di omicidio colposo plurimo e lesioni personali colpose sei dei 7 componenti dell’ex Commissione Grandi Rischi. E’ la decisione assunta oggi pomeriggio dalla Corte d’Appello de L’Aquila. In parziale riforma della sentenza di primo grado l’unica condanna a due anni di reclusione è stata inflitta a Bernardo De Bernardinis, già vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione civile.

Nel processo di primo grado i pm Fabio Picuti e Roberta D’Avolio avevano chiesto la condanna per tutti i sette imputati a quattro anni di reclusione. Dopo trenta udienze, nelle quali avevano deposto 275 testimoni, il giudice monocratico del Tribunale, Marco Billi, inflisse 6 anni agli esperti della Cgr per aver diffuso notizie rassicuranti che indussero la gente a stare a casa. Fulcro del processo fu dunque il verbale redatto subito dopo la riunione del 31 marzo 2009. In quel documento, sempre secondo le ipotesi accusatorie, si riteneva poco probabile un forte terremoto. I pm contestavano “una valutazione del rischio sismico approssimativa, generica e inefficace in relazione all’attività della commissione e ai doveri di prevenzione e previsione del rischio sismico”.

Nella requisitoria del 10 ottobre scorso il pg Romolo Como  aveva chiesto la conferma della sentenza.

Alla lettura del disposivo i familiari delle vittime hanno protestato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *