Enogastronomica e arte si mettono in mostra a Treglio con Borgo Rurale

Grande successo di pubblico per Borgo Rurale, la manifestazione enogastronomica che ogni anno anima il centro storico di Treglio, giunta quest’anno alla sua 17ª edizione.

«L’evento – ha evidenziato il sindaco Massimiliano Berghella – costituisce elemento identitario della comunità tregliese, che si intreccia con la realizzazione, da parte di artisti locali e stranieri, di affreschi realizzati sulle pareti esterne delle case del paese». Si tratta quindi di un doppio successo, grazie alla presenza di oltre trentamila persone, che hanno potuto ammirare un nuovo affresco che decora il centro cittadino. «Gli artisti – ha aggiunto il vicesindaco Orlando Bellisario, responsabile del gruppo di lavoro “Treglio Paese Affrescato” – hanno operato nella sola giornata di domenica, giorno in cui l’evento viene visitato in prevalenza da famiglie, realizzando un paesaggio con albero di olivo». L’opera d’arte è stata realizzata all’aperto, mentre il pubblico osservava i pittori all’opera e poteva rendersi conto della laboriosità di questa affascinante tecnica pittorica. L’affresco del Borgo è stato realizzato dal lavoro coordinato dagli artisti Antonella Spelozzo di Ortona, Gabriella Carlini di Fossacesia, Mario Scaccia di Lanciano (per le opere murarie), Antonella D’Addario di Treglio, Daniela Giuliani di Pescara e Giovanna Barisci di Lanciano. La realizzazione dell’ultimo affresco è stata sostenuta dal sindaco Berghella, che ha dato la possibilità, a chi viene a Treglio durante la festa del Borgo Rurale, di tornare a casa non solo sazi di piatti tipici della nostra tradizione culinaria, ma arricchiti dalla partecipazione a quella che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, deve essere un evento artistico che comprende arte culinaria, enologia, tecnica olearia, musica, spettacolo e, ovviamente, arte della pittura a fresco.

Treglio, in quest’ambito, si qualifica ancora una volta come il paese in cui si vuole e si può coniugare l’esperienza enogastronomica con quella artistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *