Precipitano dal Gran Sasso, morti due sottoufficiali degli alpini

Si chiamavano Giovanni De Giorgi, 26 anni, e Massimiliano Cassa, entrambi con il grado di primo caporal maggiore, i due militari deceduti dopo essere finiti in un dirupo mentre erano intenti in un’escursione sul massiccio del Gran Sasso d’Italia. Entrambi si trovavano in licenza. De Giorgi era di Galatina (Lecce), mentre il suo collega di Corato (Bari). Al momento, causa le avverse condizioni meteorologiche, soprattutto il forte vento, l’elicottero del 118 non è in grado di recuperare i corpi che, tuttavia, sono stati assicurati in barelle ancorate in parete dai tecnici del soccorso alpino. Non e’ quindi escluso che il recupero sarà effettuato domani. Le salme saranno poi trasferite all’obitorio dell’ospedale ‘San Salvatore’ dell’Aquila. La Procura poi deciderà se ordinare o meno le autopsie.

I due militari erano di stanza a L’Aquila, partiti ieri mattina da Campo Imperatore per una escursione sul Corno Grande, la cima più alta del Gran Sasso, in Abruzzo. A dare l’allarme un compagno che a Campo Imperatore, ha trovato la loro automobile. I due, secondo i soccorritori, sono scivolati sulla neve e sono precipita per oltre 400 metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *