Trasporto pubblico locale: sciopero di 8 ore domani alla GTM

FILT-CGIL, UGL AUTOFERROTRANVIERI e FAISA-CISAL annunciano per domani una giornata di sciopero dei lavoratori della GTM, che  prevede anche una manifestazione nei pressi della Regione Abruzzo, in viale Bovio. Alla base della vertenza, aperta ormai da giugno, lo scadente servizio offerto all’utenza in alcune fasce orarie della giornata e dei festivi,  le cattive relazioni industriali tenute dalla società e dal dirigente Pierluigi Venditti, gli atti unilaterali posti in essere a spregio di accordi sottoscritti con tutte le organizzazioni sindacali dal Direttore Generale Maximilian Di Pasquale e dal Presidente del CDA Michele Russo, gli irrigidimenti del Responsabile dell’esercizio Raffaele Piscitelli conseguenti a  questa vertenza che chiede unicamente il rispetto di accordi sottoscritti,  anche recentemente.

“L’inasprimento della controversia è dovuto al continuo palleggio tra la politica e il management Aziendale per l’assunzione di decisioni determinanti per continuare ad erogare il normale servizio ai clienti: infatti ci risulta che l’amministrazione regionale abbia invitato,per iscritto, l’Azienda a non assumere decisioni straordinarie e di attenersi alla normale amministrazione – spiegano i sindacati -. Il Presidente nel recepire l’invito ha immediatamente troncato le relazioni industriali invitando le OOSS a rivolgersi direttamente alla Regione , per contro la Società continua ad assumere decisioni che , a nostro avviso, non rivestono carattere di ordinaria amministrazione. La Regione, in un incontro tenutosi ieri, ci ha comunicato di non essere in grado di sbloccare la vertenza in GTM , mentre ci risulta  che nella società ARPA  la stessa amministrazione regionale ha consentito la sigla di accordi straordinari che rivestono anche carattere di esborso economico applicando , di fatto, due pesi e due misure. Siamo sconcertati dal comportamento delle controparti che non fanno nulla per scongiurare disservizi all’utenza, conseguenti allo sciopero, ma anche stratificati da anni di mala gestione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *