Settore metalmeccanico nell’ortonese in emergenza. La Fiom Cgil chiede tavolo con i sindaci

“Chiediamo al sindaco di Ortona la convocazione di una riunione con tutti i primi cittadini del territorio per mettere in campo una nuova strategia per il rilancio industriale della zona”.

Lo chiede Marco Di Rocco, della FIOM CGIL Chieti-Ortona, alla luce deli allarmanti dati relativi al  2014 del settore metalmeccanico dell’ortonese. “Hanno definitivamente chiuso i battenti, licenziando centinaia di lavoratori, le aziende Samputensili di Ortona, BSI di Arielli, Iniziative Industriali di Ortona, la Tortella versa in una grande e preoccupante crisi produttiva – spiega Di Rocco -. Una crisi quest’ultima che sta mettendo a rischio l’ esistenza stessa dell’azienda. La Tortella ha chiesto il concordato preventivo il 19 novembre, lasciando a casa senza stipendio circa 50 lavoratori. Per evitare i pignoramenti di terzi non solo hanno mandato in cassa integrazione le 50 maestranze, ma, li ha lasciati senza stipendio, mensilità che riguardano i ottobre, novembre, dicembre e 13^. Famiglie senza stipendio nel periodo natalizio. Alle difficoltà di un territorio si aggiunge la furberia di qualche Padrone che continua ad arricchirsi alle spalle dei lavoratori. La crisi del comprensorio deve essere oggetto di una vera e profonda riflessione da parte delle istituzioni locali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *