San Vito: diventa un caso l’intitolazione di una strada all’ex parroco, don Luigi Ranalli

L’amministrazione comunale di San Vito Chietino decide di intitolare una strada comunale del capoluogo alla memoria del compianto ex parroco, don Luigi Ranalli, e subito scoppia un caso. A sollevare il polverone è Walter de Nardis, uno dei responsabili dell’associazione culturale e ricreativa “La Ginestra”, il quale, dopo aver attentamente esaminato la delibera del consiglio comunale n. 69 dello scorso 30 dicembre, ha scoperto che la stessa contiene delle imprecisioni dal punto di vista normativo.

«La più vistosa – scrive de Nardis nel sito web dell’associazione – riguarda il mancato rispetto della legge 1188 del 23 giugno 1927, per giunta citata nella delibera, che recita che le strade non possono essere intestate a persone che non siano decedute da almeno dieci anni. Nel nostro caso l’ex parroco di San Vito è deceduto il 2 settembre del 2009, per cui i dieci anni previsti dalla normativa si raggiungeranno nel 2019. Tra l’altro – aggiunge de Nardis – nel documento consiliare non è nemmeno presente la concessione della deroga da parte del Ministero per i Beni Culturali, come prevede l’articolo 6 della medesima legge». Ma, oltre al problema strettamente legato alla legge sulla toponomastica stradale, a detta del rappresentante della Ginestra per molti cittadini il perchè di questa scelta, operata dall’amministrazione comunale, resta di difficile comprensione. Non si ha infatti memoria, a differenza di altri illustri cittadini sanvitesi, di grandi pubblicazioni letterarie e di altre notevoli opere di bene e sociali lasciate in eredità dal defunto sacerdote che ha guidato la parrocchia per oltre sessant’anni.

Ora, per chiarire il problema, Walter de Nardis ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al Prefetto della Provincia di Chieti, con la speranza di ricevere al più presto un chiarimento e magari vedere annullata la deliberazione del consiglio comunale, tra l’altro approvata solo con i voti dei consiglieri della maggioranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *