L’ex Casa di Conversazione a Lanciano 
diventa per un giorno ”luogo del cuore”

Sarà la giornata del cuore quella di domenica 15 febbraio a Lanciano, dov’è in programma un interessante appuntamento di prevenzione. Che, tanto per restare in tema, si svolgerà nel “cuore” della città,  l’ex Casa di Conversazione, per facilitare al massimo l’incontro con i cittadini e  sensibilizzarli sull’importanza di seguire corretti stili di vita.

A partire dalle ore 9, nel corso di un convegno nel Salone d’onore, saranno illustrati i fattori di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari, come ipertensione, diabete e valori fuori norma di lipidi nel sangue, uso e abuso di alcolici e stupefacenti. Pari rilevanza, però, verrà data anche alla straordinaria efficacia degli strumenti di prevenzione e a comportamenti e abitudini che diventano alleati preziosi per mantenere il cuore in buona salute.

Contemporaneamente, in un’altra sala, sarà allestito un ambulatorio cardiologico per l’esecuzione gratuita degli esami basilari per il controllo dei parametri cardiaci, la misurazione della pressione arteriosa e l’elettrocardiogramma, il cui referto sarà fornito in formato digitale.

«Abbiamo costruito questo momento d’incontro con i cittadini perché le malattie caridiovascolari rappresentano ancora la prima causa di morte – sottolinea Luigi Leonzio, direttore della Cardiologia-Utic dell’Ospedale di Lanciano – e per la prevenzione non facciamo ancora abbastanza. Corretta alimentazione e uno stile di vita sano possono aiutare molto, ma un’ampia fetta di popolazione è ancora poco sensibile a questo tema. E noi desideriamo offrire un contributo di crescita a questa nuova cultura della salute».

Nel corso dell’evento, patrocinato dall’ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri), sarà distribuito anche materiale informativo, a cura dell’ambulatorio cardiologico che resterà aperto dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *