Il M5S interpella l’assessore Sclocco sulla situazione finanziaria della “Maiella e Morrone”

Il Consigliere regionale del M5S, Leandro Bracco, ha presentato una interpellanza all’Assessore alle Politiche Sociali, Marinella Sclocco, per conoscere la reale situazione finanziaria dell’azienda pubblica e privata “Maiella e Morrone”, società che si occupa della gestione dei servizi sociali di 16 Comuni della Val Pescara.

“Nei giorni scorsi – sottolinea Leandro Bracco – il commissario liquidatore della Comunità Montana Pescarese ha accertato la presenza di un consistente debito, circa 2,8 milioni di euro, che la società Spa, Maiella e Morrone, avrebbe pendente con lo Stato. Ad oggi, i 66 dipendenti della società devono percepire tra stipendi e arretrati complessivamente 350 mila euro. Inoltre – osserva ancora il Consigliere regionale del M5S – diversi Comuni che costituiscono l’Ambito Sociale n.35 (composto da 16 Comuni) risultano essere morosi nei confronti dell’azienda Maiella e Morrone per un totale di circa 1,2 milioni di euro per i servizi sociali che sono stati effettuati nei propri territori. Questa cifra è comprensiva di somme versate annualmente dalla Regione Abruzzo per l’espletamento di diversi servizi di carattere sociale”. Nell’interpellanza, il Consigliere regionale ha chiesto all’Assessore Marinella Sclocco di conoscere “in che cosa consista il piano sostenibile per il rilancio dell’azienda “Maiella e Morrone” e quali siano i nominativi dei responsabili regionali che negli anni passati fino a oggi non hanno proceduto all’accertamento dei fondi che la Regione Abruzzo ogni anno versava ai Comuni dell’Ambito n.35. Inoltre, nell’ipotesi in cui gli stessi responsabili abbiano proceduto all’accertamento, per quale ragione non siano stati presi provvedimenti al fine di evitare una pessima gestione del denaro della collettività”. Infine il Consigliere regionale Bracco chiede di conoscere l’ammontare economico dei nuovi oneri di spesa nel caso in cui il piano sostenibile di rilancio ne preveda ex novo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *